Risvegliami di Cardeno C. (Anteprima)

Eccomi a recensire una nuova anteprima della Triskell Rainbow. Una dolcissima storia d’amore scritta da un autore molto noto nella letteratura m/m, ovvero Cardeno C. Io ho letto altre sue cose sparse, ma non mi ha mai entusiasmato troppo, come non ho mai apprezzato troppo le storie con i mutaforma, vampiri, licantropi e così via. Eppure ho voluto provare a leggerne una, giusto per cambiare idea, per ricredermi e magari trovare qualcosa del genere che possa essere di mio gusto.
Ebbene, sono diventata un’appassionata di mutaforma ora? No! Probabilmente dello stesso genere ho letto troppi self non strutturati proprio al meglio e pertanto mi blocca amare questo tipo di libri, con queste creature. Ho un blocco verso di loro; ma ho apprezzato il libro, per quanto me lo potesse permettere questo mio problema con i mutaforma.


Risvegliami
di Cardeno C.


***


Trama:
Considerato il più potente mutaforma da generazioni, Zev Hassick è sorpreso e confuso quando si scopre attratto dal suo migliore amico. Il suo molto umano, molto maschio, migliore amico. Un mutaforma deve accoppiarsi con una femmina della sua stessa specie per mantenere la sua umanità, quindi un mutaforma non può essere gay. Eppure tutto gli dice che Jonah è il suo vero compagno.
Mantenere una relazione con l’uomo che ha amato sin dall’infanzia non è facile per Jonah Marvel, ma non lascerà che la distanza o la bizzarra famiglia di Zev si metta di mezzo. Quando una strana malattia inizia ad affliggerlo, la necessità principale è salvare la propria vita e la propria sanità mentale per poter avere un futuro con Zev.
Zev e Jonah sanno di essere destinati a stare insieme, ma devono affrontare tradizioni radicate da generazioni e segreti a lungo sepolti che possono minacciare il loro futuro insieme.


Link Amazon: Risvegliami


***


Il libro di per sé è veramente molto particolare, soprattutto il modo in cui è strutturato. La trama non si può considerare particolarmente originale, sin dalle prime battute si intuisce che i due protagonisti si conoscono da molto tempo, sono diventati migliori amici dalle scuole medie e da lì il loro rapporto è andato evolvendosi verso una direzione prestabilita. Ma andiamo con ordine, come mai ho detto mi piace il modo in cui è strutturato il libro? Semplicemente perché dal presente e dal primo capitolo in cui Zev parla con la sua famiglia, man mano fa un salto nel passato, creando un cerchio perfetto in cui racconta la storia dei due protagonisti, il momento in cui si sono conosciuti, il loro crescere e anche le culture differenti in cui vivono. Descrive la perenne lotta di Zev per poter stare accanto a quel ragazzino che lo ha sempre attirato dal momento in cui era solo un cucciolo; descrive tutto questo fino ad arrivare a fine storia e chiudere questo cerchio perfetto. Il finale non ve lo svelo, è a sorpresa xD.
Eppure, anche se a livello di storia d’amore è abbastanza scontata, ci sono alcune piccole parti intuibili, ma che al tempo stesso lasciano a bocca aperta; mi riferisco ad alcuni avvenimenti che riguardano uno dei protagonisti, ma il tutto è inserito abilmente in questo cerchio, che andando a ritroso nel tempo arriva fino ai giorni nostri, per poi svelare ogni mistero.
L’intero romanzo si legge bene, una piacevole lettura per passare una domenica pomeriggio o una notte insonne, anche se di tanto in tanto l’ho trovato un tantino ripetitivo a livello di concetti, ma penso che sia una cosa voluta dall’autore, anche se a mio parere dopo un po’ avrei smesso di dire quanto la cultura del branco e dei mutaforma fosse differente da quella degli umani, come avrei smesso di ripetere quanto ci fossero soggetti ancorati a vecchi valori che in tutto e per tutto non vogliono avere rapporti con gli umani. Dopo un po’ sono argomenti che annoiano, dopotutto l’intera storia si basa anche su questo, il problema di Zev con la sua famiglia è basato proprio su questo attaccamento a valori e credenze ormai desueti e antichi. Il pensare che un alpha, un mutaforma in genere non possa essere gay perché l’equilibrio e il tenere sotto controllo il suo lupo interiore lo può fare grazie a una compagna. E la cosa assurda è che non provano a pensare che potrebbe essere differente, che magari potrebbe riuscire a vivere anche senza una compagna o che non sia proprio necessaria una donna per tenere a bada la sua parte selvaggia, magari basta avere qualcuno accanto, qualcuno che lo ami.
Un punto che trovo decisamente romantico e sognatore nell’intero libro, ma soprattutto nel carattere di Zev, è il suo desiderio di trovare il suo vero compagno, la persona in tutto il mondo che è la sua metà mancante. Anche questo suo sogno, desiderio o fissazione fa quasi esasperare la sua famiglia che in tutto e per tutto lo vuole obbligare a trovare una compagna. E meno male che per certi punti di vista Zev è perfetto, è un buon figlio, un lupo forte ed è intelligente, tanto che è riuscito a far aumentare gli affari di famiglia, eppure sembra che ai genitori e ai suoi nonni tutti questo non basti. Comprendo che per un verso si preoccupano per il figlio, ma dopo un po’ diventano assillanti. Sembra vogliano tenerlo sotto controllo in ogni suo gesto, in ogni sua azione e tutto questo aumenta dopo il suo coming out.


Ho apprezzato il modo in cui l’autore ha caratterizzato Zev, la sua forza e la sua pazienza verso la famiglia e anche verso Jonah, che si allontana per studiare. Anche l’allontanamento del suo compagno, Zev lo accetta anche se sa che soffrirà tantissimo, ma perché Jonah ha un sogno, desidera studiare e diventare un medico, mentre Zev come obbligo verso la famiglia decide di rimanere nelle sue terre, a casa, e lo lascia andare.
La parte descritta dei loro incontri durante gli anni è stupenda, la parte introspettiva e i sentimenti dei
due anche.
Altro punto che ho apprezzato tantissimo è il fatto che pur essendoci delle scene erotiche, non sono messe in continuazione e a caso, ma messe nei punti giusti e descritte con dolcezza e il dovuto tatto. Sono molto delicate e dolcissime.


Credo che per gli amanti del genere e di questo autore, questa possa essere un’ottima lettura, ameranno i suoi personaggi e le descrizioni dei luoghi, ma soprattutto ameranno il rapporto che man mano Cardeno descrive dei due protagonisti, conoscenza, amicizia e infine amore. Eppure in tutto il romanzo non si affrontano solo questi punti, non è la solita storia romantica in alcuni frangenti, e propri i punti che ho apprezzato di più ruotano attorno a Zev e al suo modo di essere alpha e di comandare il branco. Lui con il suo carattere aperto e con la mentalità rivolta al futuro ha portato il suo branco a modificare in parte il suo atteggiamento, sia verso coloro che non sono mutaforma, sia verso le donne dello stesso branco, che per molti non avevano il diritto di prendere decisioni, ritenendole “inferiori”, o meglio dovevano occuparsi solo della casa e dei figli senza poter prendere decisioni importanti per il branco.
Zev man mano sta mutando questa mentalità, sta portando il suo branco in un periodo più moderno, in una società più avanzata. Ecco, queste parti sono fantastiche e forse sarebbe stato interessante vedere come la sua mentalità avrebbe potuto modificare anche i branchi loro alleati e vicini. Ma comprendo che essendo un romanzo romantico non posso chiedere troppo.

Direi che anche questa uscita della Triskell sia veramente ottima, un racconto che si merita per ambientazione e stile cinque bellissime piume <3

Commenti