Quando tutto crolla di Charlie Cochet (Anteprima)

Ho scoperto la saga dei Thirds per caso, girando su Amazon alla ricerca di qualcosa da leggere e anche racconti m/m validi che non fossero le solite storie smielate ma qualcosa di più complesso che potesse appassionarmi. E i libri di Charlie Cochet mi hanno stregato sin da subito. I suoi personaggi, l’ambientazione, questo futuro vicino al nostro, ma al tempo stesso differente mi ha veramente catturato, rendendomi felice per aver trovato qualcosa di diverso e appassionante nell'ambito della letteratura m/m.
Ho adorato il mondo che ha creato, questa fantascienza in cui la mutazione di alcuni esseri umani li porta a uno stato animale, facendoli somigliare più a grandi predatori, a carnivori pericolosi in preda al loro istinto più selvaggio. Che poi il futuro in cui sono ambientati i libri non è troppo lontano dal nostro, l’idea geniale è stata quella di far fare un percorso differente al mondo e alla società umana: per colpa di un esperimento andato male e di un contagio da parte di un virus l'evoluzione del mondo dagli anni ottanta in poi ha preso una piega differente.
Cosa ha di positivo questa intera saga? Questa saga parla delle persone, descrive gli esseri umani e il loro comportamento. Parla senza troppi problemi anche di quel lato più scuro degli uomini, quel comportamento che durante i secoli hanno sempre avuto verso chi è differente, verso coloro di cui hanno paura e non comprendono. Parla del branco pronto a scagliarsi su chi è differente per dimostrare la sua superiorità.
Se un tempo il razzismo nel mondo del passato, nei libri, era verso le persone di colore, poi per gli ebrei, per gli omosessuali, nella saga della Cochet è verso questa nuova forma di esseri umani chiamati Teriani.
I nuovi mostri, coloro che sono discriminati nei libri di questa bravissima autrice, sono uomini e donne che per via di una mutazione si trasformano in animali, per lo più bestie feroci come tigri, leoni, lupi, orsi e via dicendo.
Uomini e donne che sin dalla prima mutazione sono stati studiati e messi in strutture apposite per capire cosa fosse successo loro e trattati a mo’ di cavie, con la scusa che fosse per il loro bene, ma probabilmente lo facevano per colmare il desiderio di conoscenza degli scienziati.
I primi Teriani, detti di prima generazione, ovvero i primi mutati, hanno quasi tutti un passato tragico: allontanati dalle famiglie, portati via dagli accalappiacani come se fossero realmente delle bestie pericolose.
In questi libri si legge di questa discriminazione, come se fosse una storia già scritta di quanto accade realmente nella nostra società. Quante volte, ascoltando un tg, si sente parlare di crimini d'odio? Nei libri della Cochet si trattano questi argomenti, i discriminati hanno un nome differente, ma quanto accade è la stessa identica cosa.
Ma perché mi sono addentrata nel parlare di tutti i libri di questa saga sin dall'inizio? Semplice, perché sono legati tutti fra loro in maniera indissolubile; a breve mi accingerò a recensire un po’ questo quarto romanzo, ma prima devo introdurlo, parlare anche, se non in maniera approfondita, di quelli che lo hanno preceduto e dei suoi protagonisti. Tutto è collegato in una storia fra la fantascienza, il giallo e i problemi di cuore dei vari personaggi, che però, fortunatamente, non prendono il sopravvento sulla trama.
Tutto inizia con la testimonianza del detective Dexter (Dex) J. Daley contro il suo partner della polizia accusato di aver ucciso a sangue freddo un giovane teriano. La sua vita dopo questa scelta precipita in un baratro, in poco tempo si ritrova senza lavoro, senza fidanzato e con il mondo che sembra accusarlo di aver tradito la sua razza per proteggere una bestia. È proprio da queste prime battute che si comprende come man mano procederà la storia, la vita difficile dei teriani, la paura che suscitano in molti, ma al tempo stesso vengono accettati da altri e oramai dopo anni sono integrati nella società, peccato che sia da parte di una razza che dall'altra c'è chi pensa di essere superiore.
Per fare in modo che i mutati abbiano gli stessi diritti degli uomini normali e per proteggere i secondi da creature che sono fisicamente più forti di loro, anni addietro è stato creato il THIRDS, forze di polizia dove umani e teriani lavorano assieme per mantenere la stabilità. Da qui inizia questa saga meravigliosa, dove i protagonisti della storia, i membri della squadra Thirds, la Destructive Delta, devono affrontare molti nemici che cercano in ogni modo di scatenare una guerra fra teriani e umani. Sì, perché sia da una parte che dall'altra ci sono separatisti, uomini che in preda all'odio e alla paura bramano vendetta e cercano di prendere il potere affermando la propria superiorità.

Tutti questi avvenimenti portano a questo spettacolare quarto libro, di cui vi parlerò a breve.

Qui i link per l'acquisto dell'intera saga:
THIRDS #1 Costi quel che costi
THIRDS #2 Con il fiato sospeso
THIRDS #3 Verso la rovina
THIRDS #4 Quando tutto crolla


***


Quando tutto crolla
di Charlie Cochet



***



Trama:
A seguito di un attacco da parte della Coalizione, il team leader dei THIRDS, Sloane Brodie, rimane seriamente ferito, e Dexter J. Daley giura che Beck Hogan pagherà per ciò che ha fatto. Ma i piani di vendetta di Dex hanno vita breve. Con Ash ancora in congedo per via delle ferite riportate, Sloane in ospedale e la Destructive Delta nel mirino della Coalizione, il tenente Sparks non vuole rischiare. La squadra di Dex viene tolta dal caso e le indagini passate a un altro team leader: Sebastian Hobbs.
Dex si rifiuta di farsi da parte mentre un’altra squadra dà la caccia a Hogan, e così decide di mettere a frutto le sue capacità di detective per trovare Hogan prima della Theta Destructive, costi quel che costi.
Con una lunga e dolorosa convalescenza davanti a sé, l’ultima cosa di cui Sloane ha bisogno è che il suo compagno se ne vada in giro a fare ricerche in città, specialmente se le sue bugie – anche se a fin di bene – iniziano a sfuggirgli di mano. Sloane conosce fin troppo bene il desiderio di vendetta, ma ci sono cose più importanti, come l’uomo che ha giurato di stargli accanto.
Quando Dex si avvierà verso un sentiero oscuro, sarà compito di Sloane mostrargli cosa c’è in gioco e dare finalmente un nome a ciò che ha nel proprio cuore.



***



Io avevo letto questo libro in lingua originale. Ero talmente curiosa di sapere come la saga proseguisse che ho superato la mia pigrizia e l’ho preso in inglese quando uscì, peccato che non essendo così esperta mi sono sfuggite tantissime cose, piccole sfumature che ho recuperato con la lettura in italiano.
Ma io sono una scimmia curiosa, non potevo fare a meno di scoprire cosa accadeva <3.
Mi è piaciuto il libro? Sì.
Sì, mi è piaciuto tanto. Lo ripeterò fino allo sfinimento; l’autrice non è da nobel, il suo stile è molto semplice, in alcuni tratti anche acerbo, eppure questa sua serie di romanzi prende per tutti i motivi elencati sopra, ma anche per altri. I suoi personaggi sono fantastici e tutti ben caratterizzati, che questi siano i protagonisti o coloro che gravitano attorno a loro.
Sono sincera, fra i quattro libri in italiano che al momento ho letto questo è quello che forse mi è piaciuto di meno; per quanto ci sia una discreta dose di azioni e di intrighi, sembra essere una sorta di lungo romanzo di transizione, dove passo dopo passo i personaggi si avviano al momento clou della storia. Come se preparasse alla grande esplosione che avverrà negli altri libri.


L’intero libro rispetto agli altri ruota molto intorno alla figura di Dex, è quasi tutto dal suo punto di vista, ed è decisamente più introspettivo, cosa che non mi dispiace affatto. Quanto è accaduto al suo partner porta l’agente del Thirds a voler indagare per conto suo anche se glielo hanno proibito e sollevato dall'incarico, ma lui non può farne a meno. Per quanto Dex sembri un buffone non lo è affatto, è un uomo che ama i suoi amici e la sua famiglia e darebbe la vita per loro, pertanto è pronto ad affrontare ogni pericolo per fermare chi minaccia le persone a lui care.
Attraverso i suoi occhi, le sue ricerche i dilemmi e anche le bugie che racconta al suo compagno man mano la storia si sbriglia, mentre i protagonisti sono alla ricerca di un nemico potente e pericoloso che non si fa nessun tipo di scrupolo a uccidere anche degli innocenti.


Amo questa saga, probabilmente sono un po’ di parte, ma apprezzo molto il mix di fantascienza, azione e anche erotismo, perché c’è anche quello, ma fortunatamente le storie d’amore non prendono il sopravvento sul filone principale della trama, anche se si intrecciano alla perfezione e vanno di pari passo, senza però prendere mai il sopravvento.
Il libro ha anche qualcosa che mi ha lasciato perplessa, non è un errore o altro, ma è un po’ lo stile della stessa autrice, rispetto ad altri racconti che ho letto suoi sembra un po’ più acerbo, ma probabilmente sono io che sono incontentabile.
Io comunque consiglio di leggere tutta la saga, di comprare il libro e di amare alla follia Dex, Sloan, Ash, Cael e tutti gli altri, soprattutto amate Ash e Cale perché sono due teneri felini <3.


Veramente una lettura consigliatissima e si merita cinque piume, punteggio pieno per la Cochet e questo quarto volume dei Thirds.





Commenti