Review Party: Fairy Oak - La storia Perduta di Elisabetta Gnone (22 ottobre 2020)

 



Trama:

Il tempo è passato e molte cose sono cambiate a Fairy Oak, e così capita di immelanconirsi riguardando vecchie fotografie davanti a un tè, ricordando vecchi amici e grandi avventure.Ma quando i ricordi approdano all'anno della balena, i cuori tornano a battere e i visi a sorridere. Che anno fu! Cominciò tutto con una lezione di storia,proseguì con una leggenda e si complicò quando ciascun alunno della onorata scuola Horace McCrips dovette compilare il proprio albero genealogico.Indagando tra gli archivi, le gemelle Vaniglia e Pervinca, con gli amici di sempre, si mettono sulle tracce di una storia perduta e dei suoi misteriosi protagonisti. E mentre il loro sguardo ci riporta nella meravigliosa valle di Verdepiano, si consolidano vecchie amicizie, ne nascono di nuove, si dichiarano nuovi amori e si svelano sogni che diventano realtà.

Link acquisto: La storia perduta



***




Credo di averlo scritto tempo fa, non so bene in quale recensione, un libro o una graphic novel, eppure ci sono alcuni libri che ti arrivano quando è il momento giusto, quando ci sono quelle situazioni, una serie di eventi che te li fa leggere.

Lo avrei comprato, lo ammetto, e prenderò la versione cartacea con quella cover spettacolare non appena uscirà, ma quando mi hanno proposto questo Review Party non ho saputo dire di no. 

Sapevo di avere altre letture, di avere un altro Review Party tra pochi giorni e un libro da terminare, eppure ero curiosa, se non lo avessi fatto non si sarebbe chiuso il cerchio, non sarei arrivata alla fine di questa splendida storia.


Elisabetta Gnone è una delle autrici per i più giovani che adoro, amo il suo stile, le sue storie, gli elementi che spingono i più piccoli a pensare e a riflettere e tutte queste storie le inserisce nelle sue storie, nei suoi libri.

A mia sorella ho comprato tutta la saga di Fairy Oak, sia i fumetti delle W.I.T.C.H; “sono per mia sorella” dicevo, io ero ampiamente fuori target, ma lei con queste cose ci è cresciuta, ma alla fine a leggere tutto per prima o a leggerli a lei ero io.

Con la serie di Olga di Carta non ho nemmeno mascherato che fossero per me, adoro questo target, i libri per i più giovani, e più passa il tempo, più li amo.

Quindi quando Simona de Il Mondo di Simis mi ha proposto questa avventura ho detto subito di sì. Era veramente qualcosa di stupendo, che mi ha fatto tornare indietro nel tempo, a momenti felici, ma facendomi pensare che alla fine anche il presente non è poi così male e che i ricordi sono quello, ricordi di momenti stupendi o anche meno, ma che mi hanno portato a essere quello che sono.



La storia perduta è un romanzo che mi ha lasciato senza parole, mi ha fatto sorridere, versare alcune lacrime, ma soprattutto mi ha fatto pensare. Pensare al passato, a quando ero un’adolescente, a come alcune cose, alcune dinamiche si ripetono in tutte le famiglie. Quel cassetto con le fotografie, che nessuno apre mai, che si pensa di sistemare, ma che alla fine rimane lì, per poi aprirlo insieme a tutti i ricordi, gli avvenimenti e sentimenti che si porta dietro.

Ma non è solo questo, sono proprio le dinamiche della storia, di come è costruita che fanno pensare e riflettere; lo fanno con i giovani lettori che si avvicinano per la prima volta questa serie, lo fanno con chi ci è cresciuto e sicuramente non si vorrà perdere l’ultimo volume, lo faranno con chi era un adulto quando li ha letti all’epoca ed è adulto ora che si appresta a recensirlo.

Gli altri libri mi ricordo che li ho adorati, che mi hanno lasciato una sensazione meravigliosa, ma con gli anni tutto è rimasto molto fumoso; immergendomi in questa nuova lettura ecco che emozioni di ogni genere sono affiorate.

I libri di Elisabetta Gnone sono educativi, insegnano e spiegano.

Ed ecco che ne La storia perduta troviamo tantissimo insegnamenti, da come gli animali sono nostri amici e bisogna amarli, perché non sono degli oggetti.

Parla di amicizia e dei primi amori che sbocciano.

Parla di quanto siano importanti i ricordi, che questi siano quelli di famiglia, racchiusi in vecchie foto messe in un cassetto o che siano la storia della nostra città.

Parla della storia e di come sia importante studiarla, fare in modo che i ragazzi se ne appassionino, perché insegna, perché non fa dimenticare, perché dovrebbe spingere le persone a non ripetere gli stessi errori e a capire.

Spiega quanto sia importante studiare la storia e il nostro passato, ma anche che questa debbe essere spiegata in modo da appassionare chi la studia.

Ci insegna che il nostro passato, che la nostra storia è in qualche modo legata a quella delle altre persone, forse anche alla lontana, ma è così.

Ma soprattutto parla di amicizia, quella che nasce e che le persone si portano dietro per tutta la vita e di quanto questa sia meravigliosa.



Di libri belli ne ho letti, alcuni mi hanno lasciato senza parole, altri con emozioni travolgenti, certi ho fatto fatica a lasciarli andare. Quelli di Elisabetta Gnone fanno parte di quella categoria che faccio fatica a riporre, ora è qui accanto a me e vorrei rileggerlo di nuovo, ancora e ancora, perché è stata una storia stupenda, ma non solo, è stata una storia che mi ha coinvolto come da tanto non mi accadeva.

Il target per questi libri è per i più giovani, eppure forse sono io che ho ancora l’animo di una bambina, ma l’ho veramente adorato.

Non posso fare altro che consigliarlo, di far leggere questo e tutta la serie ai piccolini, ma anche agli adulti ed essere trasportati nel meraviglioso villaggio di Fairy Oak.









Commenti

  1. Concordo su tutto! Ottima recensione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per essere passata, appena ho un attimo vado a leggere tutte le recensioni del RP.
      Grazie ancora.

      Elimina
  2. Bellissima recensione Erika e grazie per avermi fatto compagnia in questo bellissimo evento.... e poi sono contenta di aver contribuito alla tua felicità :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie 💜
      Ma soprattutto grazie a te, mi hai fatto veramente un grande regalo facendomi partecipare a questo RP.

      Elimina
  3. Veramente una bellissima recensione! Fairy Oak è un luogo che fa sognare. Spero che la scrittrice Elisabetta Gnone continui a regalarci altre avventure.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio. Io anche spero di leggere altri libri di questa autrice, è veramente bravissima.

      Elimina
  4. Concordo su tutto perché questo libro è pura poesia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero, questo libro è veramente pura poesia.

      Elimina

Posta un commento